Fragile

Fragile

Dal lat. fràgilem, dalla stessa radice di fràngere «rompere» e fragméntum «pezzo», «frammento».

Fragile è un oggetto che si rompe facilmente perché poco robusto, una inclinazione debole, un sentimento gracile; un pensiero inconsistente e labile, una speranza effimera e caduca.
In un moderno dizionario fragile è una parola carica di connotati negativi, ma le parole non sono rigide e mostrano una naturale inclinazione a diventare anche qualcos’altro.

Ciò che è fragile è anche delicato, vulnerabile, sensibile. E nessuna di queste parole è un difetto o una espressione di debolezza, ma una delle caratteristiche di ogni individuo.
Si possono vivere momenti di fragilità pur essendo forti, si può essere sensibili e decisi allo stesso tempo, si possono prendere decisioni consapevoli che possono essere suscettibili alla vulnerabilità.
Percepire e accogliere le proprie fragilità è senza dubbio un punto di forza (si veda antifragile).