Grammar nazi

Grammar nazi

Espressione inglese per indicare il difensore della Grammatica

Il grammar nazi è il guardiano della grammatica, una nuova figura non professionale che non perdona la benché minima esitazione ortografica e le sviste grammaticali o sintattiche e ha il coraggio di evidenziare l’errore commesso durante una conversazione o in un testo scritto pubblicamente, in modo anche piuttosto critico.

Se un refuso è umano, quando è giusto perdonare una svista e quando considerare quell’errore indicativo della non padronanza di una competenza?
Quale sarebbe l’effetto che susciterebbe in voi un medico che scriva “patologia” con due “g”?
Una reazione spontanea, dice il linguista Serianni, sarebbe quella di chiederci: ma se non sa neanche scrivere la parola, che cosa saprà davvero di patologia?
La cosa importante è saper distinguere quando è il caso di segnalare l’errore e quando invece sarebbe meglio lasciarsi trasportare dalla storia che quell’errore può raccontare.